Riso Basmati con Tartare di Tonno agli Agrumi e Carote

Riso Basmati con Tartare di Tonno e CaroteLa versatilità del riso basmati permette di preparare in poco tempo ricette facili e veloci, ma soprattutto molto delicate e gustose. In pausa pranzo, oggi ho preparato del riso basmati con tartare di tonno e una semplice julienne di carote: un piatto freschissimo ed estivo, dal sapore esotico.Il riso basmati, molto utilizzato nei paesi orientali, è famoso tra le altre cose per l’inconfondibile aroma rilasciato durante la cottura, oltre che per il suo gusto unico; è molto digeribile, ha un basso contenuto glicemico ed è senza glutine. Non è adatto per i risotti, in quanto i suoi chicchi sono molto fragili e ricchi di amido.

Ingredienti per due persone:

  • 160grammi di riso basmati
  • 200 grammi di tonno
  • un’arancia e un limone
  • due carote
  • olio extravergine di oliva a piacere
  • sale e pepe macinato fresco

Per preparare la tartare di tonno, ho spremuto e grattugiato mezza arancia e mezzo limone, a cui ho aggiunto un pizzico di sale e del pepe macinato, e olio extravergine di oliva. Volendo, si poteva aggiungere anche qualche pizzico di erba cipollina tritata finemente, oppure del timo, o maggiorana. Ho tagliato il tonno in piccoli quadratini, e l’ho lasciato riposare nell’emulsione per qualche ora, in modo da assorbirne il profumo e il gusto.
Avremmo potuto, come alternativa agli agrumi, preparare la tartare con avocado ed erbette, oppure con salsa di soia ed erbette fresche.

Pensiamo alla preparazione del riso: proprio per le sue caratteristiche, in particolare per il suo elevato contenuto di amido, prima di cucinare il riso basmati bisogna sciacquarlo più volte, inserendolo in un colino e immergendolo in una bacinella d’acqua fredda; è sufficiente smuovere il riso con le dita per vedere che l’acqua della bacinella diventerà biancastra; successivamente, svuotiamo la bacinella e riempiamola ancora con acqua fresca, ripetendo l’operazione fino a quando l’acqua non sarà limpida; dopodiché, lasciamolo in ammollo per mezz’oretta (ma anche meno..), solo per evitare che durante la cottura i chicchi si spezzino. Infine, mettiamo il riso in una pentola piena d’acqua, leggermente salata, e portiamo ad ebollizione; sarebbe corretto usare il doppio di acqua rispetto alla quantità di riso, magari facendo una proporzione tra tazzine di riso utilizzate e tazzine di acqua per coprirlo.
Una volta che l’acqua ha raggiunto l’ebollizione, dovremmo abbassare la fiamma al minimo per circa dieci minuti, così il riso si cucina, e poi, a fuoco spento, chiudere con un coperchio e lasciare che il riso cucini per altri dieci minuti solo con il vapore dell’acqua. Infine, bisogna lasciar raffreddare il riso in una pirofila sgranandone i chicchi con una forchetta, per separarli. Non sempre eseguo questa “seconda cottura”, più che altro per risparmiare tempo, ma dipende dal tipo di piatto che sto preparando. In questo caso, ho semplicemente scolato il riso nello scolapasta, e utilizzato un coppa pasta per impiattare, insieme alla tartare.
Ho utilizzato un coppa pasta anche per impiattare la tartare; a parte, ho preparato le carote tagliate a striscioline sottili; ho aggiunto alcune gocce di glassa di aceto balsamico (sarebbe stata perfetta anche la salsa di soia, o un filo di olio extravergine di oliva): un piatto esotico e raffinato, bello da vedere e molto gustoso e saporito, ma allo stesso tempo semplice e facile da preparare..e soprattutto RISOTTIMO..!!!
PS: Il riso basmati può essere accompagnato a pesce, pollo, verdure; sta benissimo in insalate ed è molto gustoso anche in bianco; se ve n’è avanzato, è buono anche il giorno dopo, magari con del parmigiano reggiano e olio extravergine di oliva, oppure con della salsa di soia.
PPS: unico errore di questo piatto, se me lo concedete, è non aver utilizzato il piatto in ardesia: avrebbe fatto risaltare ancora di più il colore bianco del riso, oltre che i colori del tonno e delle carote.
Riso Basmati con Tartare di Tonno e CaroteRiso Basmati con Tartare di Tonno e Carote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *